Agorà Corte Morpurgo

venerdì 10 e sabato 11 giugno 2022 Udine - Corte Morpurgo - Via Savorgnana 10

Destinatari

Agorà Corte Morpurgo

Venerdì 10 giugno, ore 9.30
Raccontami la tua piazza. Laboratorio di scrittura creativa per raccontare l’agorà che ci rappresenta. A cura di Albatros Unid.
Piazze, termine polisemico: luogo di incontro fisico, area di scambio, di esperienza e condivisione virtuale. Ma soprattutto le piazze sono tante quante sono le persone che le hanno percorse, con le gambe e con la mente.

Venerdì 10 giugno, ore 11.00
Il gatto arcobaleno e altre storie
Presentazione dei progetti della scuola Tiepolo (Istituto comprensivo I). I silent books: prima A (Il gatto arcobaleno), prima B (Il filo rosso), prima C (Il gessetto che rispecchia le emozioni), prima D (Cristi colora il mondo). In collaborazione con l’associazione Get Up.
Partecipa Dj Tubet.
Per l’intera mattinata di venerdì in corte Morpurgo, special guest Dj Tubet.
Incursioni live a cura del rapper friulano.

Venerdì 10 giugno, ore 19.30
“Le ceneri di Babij Jar. L’eccidio degli ebrei di Kiev” di Antonella Salomoni. Introduce Tommaso Piffer. Dialoga con l’autrice Valerio Marchi.
Il libro di Antonella Salomoni, pubblicato da Il Mulino, racconta quanto avvenne nella gola situata in prossimità di Kiev, nota come Babij Jar, nel settembre 1941. Lì le truppe tedesche sterminarono 33.771 ebrei. Fu il più grave eccidio commesso durante il secondo conflitto mondiale.

Sabato 11 giugno, ore 10.30
Piazza del giallo Con Cecilia Scerbanenco, Tullio Avoledo e Oscar d’Agostino . In un festival dedicato ai libri, e che prende come spunto le piazze, non poteva mancare un luogo in cui analizzare, tra passato e produzione attuale, la letteratura riguardante un genere popolarissimo come quello del giallo, del thriller, del noir. Narrazioni che sempre più spesso trovano come scenario luoghi e città della nostra regione.

Sabato 11 giugno, ore 18.30
“Friûlout. L’emigrazione friulana dal 1946 al 2021. Come attrarre i talenti in Friuli” di Massimo De Liva. Dialoga con l’autore Marino Firmani In dieci anni hanno lasciato il Friuli circa 2000 corregionali, di cui la maggioranza con titoli di studio medio-alti. Nel suo libro (pubblicato da Andrea Moro) Massimo De Liva parte dalle interviste fatte a oltre un centinaio di emigranti friulani che si sono trasferiti in oltre 40 Paesi in tutto il mondo, per analizzare un fenomeno che continua.

Info:

Biblioteca Civica "V. Joppi" tel. 0432 127 2589
mail bcusm@comune.udine.it

 

Ritorna “La Notte dei Lettori”, festival nato da un’idea del Comune di Udine assieme alle librerie, per svelare la grande passione che da sempre la città nutre verso i libri e i loro protagonisti.
Per la nona edizione del 2022, si è scelto di accogliere con convinzione l’invito rivolto dalla Regione Friuli Venezia Giulia per creare un percorso di avvicinamento, comune e condiviso, tra le varie iniziative e realtà, così da arrivare come approdo al progetto riguardante Gorizia e Nova Gorica, che nel 2025 saranno Capitale europea della cultura.
Da tale spunto è stato elaborato un tema inedito e di forte suggestione: “Dall’agorà alla Transalpina sotto il cielo di piazza Libertà”.
La piazza vista insomma come protagonista del Festival in ogni sua espressione. Piazza quale momento di incontro, dialogo, condivisione, manifestazione, del mercato o dei generi letterari, reale o virtuale, partendo dalla storica “agorà” delle città greche nell’antichità per giungere alla Transalpina goriziana di oggi, simbolo fino a qualche anno fa di un mondo diviso drammaticamente da un muro e da una cortina di ferro e ora possibile luogo di incontro, pace, confronto, con in primo piano il ruolo da affidare alla cultura.
Il tema cita ancora il cielo di piazza Libertà, punto nevralgico e centrale nel festival di Udine, che poi si dirama in tanti altri luoghi e piazze.
La guerra esplosa in febbraio in Ucraina, con gli scenari drammatici che schiude, ha dato ancora più pregnanza e significato al tema scelto. Si chiama piazza Libertà pure il cuore della città ucraina di Kharkiv, ed è una delle più vaste d’Europa. Si evidenzia così un ulteriore forte richiamo che ci fa riflettere, e che parte dalla nostra piazza Libertà, per capire quanto accade nell’Europa a noi vicina e cosa incombe sul suo immediato futuro.
Così si presenta “La Notte dei Lettori” con la sua nona edizione, affidandosi a straordinari protagonisti, a tanti spunti e alla passione del pubblico, in un’atmosfera che vuole anche essere di incontro e di festa.

Scopri il programma completo dal sito www.lanottedeilettori.com

 

Nel rispetto della normativa anti-Covid vigente